Tag: accessibilità dei contenuti

Accessibilità delle informazioni con Google Site Search

L’aumento delle informazioni in rete e dei modi di comunicare, pretende nuove metodologie di accesso alle informazioni. Google Site Search è una tecnologia proprietaria di Google che garantisce un rapido e puntuale acceso alle informazioni contenute all’interno dei siti web. Se ci sono delle aziende che incontrano difficoltà nella rapida e puntuale diffusione delle informazioni (accessibilità dei contenuti), Google Site Search è la soluzione ideale. Tramite l’inserimento di un box di ricerca personalizzato, è possibile stampare a video i risultati specifici e pertinenti delle pagine indicizzate, in modo da far risparmiare tempo al navigatore e fornirgli il meglio dei contenuti.

L’usabilità dei contenuti è una variabile indispensabile per una navigazione soddisfacente. Google lo sa bene, ed è per questo infatti che ne sottolinea l’importanza fornendo un elenco di suggerimenti diretti al miglioramento dell’esperienza di navigazione:

1. Fai la tua casella di ricerca di facile reperimento
2. Assicurarsi che la ricerca è sempre disponibile
3. Personalizza l’aspetto della ricerca per il vostro sito
4. Esperimento
5. Siate aperti ai commenti di feedback
6. Per saperne di ciò che gli utenti stanno cercando
7. Ai visitatori di conoscere chi ha la schiena

Attraverso l’implementazione di Google Site Search nelle proprie pagine web è possibile: Aumentare la soddisfazione e la fedeltà dei visitatori, Presentare i prodotti più pertinenti, Aumentare le conversioni e le vendite del sito web, Ridurre i costi di assistenza migliorando il servizio self-service online. Le funzioni più importanti di questo strumento sono l’indicizzazione più completa dei contenuti, ricerca dei termini correlati alle chiavi di ricerca, elencazione differenziata dei risultati delle serp di ricerca, elencazione dei contenuti per data.

Google Site Search è un servizio a pagamento. L’ottimizzazione dei contenuti per una ricerca più soddisfacente ha un costo correlato all’efficienza del servizio stesso. I piani sono i seguenti:

Numero di pagine web Limite di query di ricerca (annuo) Prezzo (annuo)
Fino a 1.000 250.000 $ 100
1.001 – 5.000 250.000 $ 250
5.001 – 25.000 500.000 $ 750
25.001 – 100.000 500.000 $ 2.000
100.000 + 500.000 + – Contatta il servizio vendite –
(in Inglese)

L’obietivo intrinseco e finale di Google è quello di recepire quante e più diversificate informazioni è possibile, al fine di riorganizzare in modo pertinente il proprio algoritmo di ricerca, garantendo allo stesso tempo la soddisfazione dell’utente finale per qualsiasi chiave di ricerca. Dai suggerimenti, inoltre, si evince che il box di ricerca personalizzato deve essere messo ben in vista all’interno delle pagine web, quindi di facile reperimento per i navigatori. La disponibilità dello strumento e la sua funzionalità contribuiranno a migliorare l’esperienza di navigazione. Per l’utente sarà quasi indispensabile utilizzarlo… Attraverso i report di ricerca, sarà più facile per il gestore del sito web riformulare le informazioni delle pagine, sviluppando nuove formule di presentazione dei contenuti stessi.

I flussi di informazione che deriveranno dallo stumento di ricerca  devono essere considerati come “la voce della gente”, quindi è bene (e consigliato) farsi sentire sempre vicino agli utenti, seguendoli ed anticipandoli in ogni passo della ricerca di informazioni. Per una completa implementazione dello strumento si consiglia inoltre di inserire una frase del tipo..”Non hai forse trovato ciò che stavi cercando?”, inserendo magari in tali punti un annuncio adsense o links ad articoli o pagine correlate all’argomento. I siti di grandi dimensioni dovrebbero prendere seriamente in considerazione lo strumento Google Site Search al fine di non perdere mai di vista il navigatore fornendogli uno strumento user-friendly capace di aumentare esponenzialmente il loro livello globale di soddisfazione nella ricerca.

Ti è piaciuto questo articolo? Cosa ne pensi dell’argomento?

Lascia liberamente il tuo parare..ne faremo tesoro!

Annunci

Ottimizzare il sito web per una migliore navigazione

Il web è pieno di siti internet delle più svariate varietà, funzioni e contenuti. Ma quanti di questi sono davvero navigabili ed accessibili? Esistono un sacco di accortezze cui dare attenzione per una corretta navigazione web, affinché il surfer provi piacere nello sfogliare le pagine e si possa così veicolare nuovo traffico. Vediamone qualcuna…

Compatibilità del sito web con i diversi browser

Non c’è da stupirsi se webmaster o proprietari di un sito web vedano lo stesso in modalità differenti all’interno dei diversi browser web, o in versioni differenti dello stesso browser. Non mancano i casi in cui intere pagine web siano invisibili a determinati browser. Di esempi ce ne sono molti, basta soffermare l’attenzione su di un sito web qualsiasi e controllare come questo viene interpretato dai tre più utilizzati browser al mondo (Mozilla Firefox, Internet Explorer, Netscape); si noteranno infatti nella maggior parte dei casi errori di risoluzione, adattamento delle immagini, impaginazione etc.. E’ sempre bene effettuare dei test preliminari di compatibilità del nostro sito web già in fase di produzione dello stesso, per evitare di incorrere poi in palesi disfunzioni.

Titolo della Pagina Web

Meta-tag sono l’informazione inserita nel [HEAD] [/ HEAD] sezione del codice HTML di qualsiasi pagina web. Ci sono molti tipo di meta-tag; in questo caso prenderemo in considerazione solamente il Meta Tag Title. Dal punto di vista del visitatore web, questa è l’unica etichetta visibile cui egli possa fare riferimento per accedere e navigare nella pagina stessa. Tale impostazione è tanto importante in fase di ricerca web (tramite motore di ricerca) che in fase di navigazione interna, poiché è un riferimento stabile di navigazione (soprattutto per pagine molto corpose). L’impostazione di una adeguata etichetta di pagina aiuterà sicuramente i nostri visitatori nella navigazione delle pagine del sito.

L’importanza del Tag Alt

Molti navigatori web utilizzano gli strumenti immagine immessi nelle pagine web per navigare più velocemente, ad esempio disabilitando le stesse, o visualizzando i titoli delle immagini stesse. Soprattutto nei casi in cui le immagini “fanno” il sito web, è ancora più importante assegnargli un titolo o “Tag Alt”. Il Tag Alt è l’etichetta alternativa che si assegna alle immagini per fare in modo che queste forniscano al visitatore (ed ai motori di ricerca) informazioni aggiuntive utili alla navigazione delle pagine web. Tali etichette devono essere sempre aggiunte cosicché motori di ricerca e visitatori siano sempre al passo con i contenuti presenti e si crei del valore aggiunto alla navigazione.

Tavolozza dei colori e compatibilità Browser

E’ noto come le diverse piattaforme web gestiscano i colori in maniera differente l’una dalle altre; infatti molti web browser limitano in modo significativo l’utilizzo dei colori. Gestire piattaforme di computer di colore diverso, e il browser limiti colori in maniera significativa. Al fine di passare attraverso il mondo digitale, con coerenza, la pagina web designer deve essere ben consapevoli di questo fatto.

Una tavolozza di colori “certa” è formata da 216 colori RGB (Red, Green, Blu, i tre colori fondamentali dai quali si possono ricavare tutti gli altri colori); quando i siti web utilizzano questa tavolozza di colori, si può star certi che nel 95% dei casi questi sono gli stessi all’interno di tutti i sistemi browser più diffusi al mondo, evitando così di visualizzare le pagina con colori che a volte sono differenti anche di molto da quelli che avevamo in mente.

Controllo dei collegamenti interrotti

Un link per essere definito tale, deve portare ad un’altra pagina. Se così non fosse, sicuramente c’è qualche problema. Da una statistica (su scala globale) emerge che una percentuale tra il 4 ed l’8% dei link in internet siano interrotti (o mancanti); tutto ciò non fa altro che dare una pessima impressione a tutti i navigatori. Nei casi peggiori, i motori di ricerca potrebbero togliere dagli elenchi le nostre pagine web.

Controllare il tempo medio di caricamento delle pagine web

Molti navigatori Web oggi utilizzano connessioni veloci per andare in internet, non trovando praticamente alcuna difficoltà nell’apertura dei siti web; tuttavia esiste però ancora una significativa percentuale di surfers che utilizzano connessioni a bassa velocità. Ciò comporta inevitabilmente che attendere l’apertura di una pagina nella maggior parte dei casi significa andare oltre. In altre parole significa perdere il visitatore. E’ bene quindi testare tutte le pagine del nostro sito internet in modo tale da portarle tutte ad un peso (profilo) non superiore ai 30 Kb. In caso contrario è facile incorrere in inconvenienti come sopra citato. Ideale sarebbe ottimizzare il codice interno delle pagine, eliminando le etichette superflue, o alleggerendo le immagini.

Convalida del codice HTML

Così come i testi in un linguaggio naturale possono includere errori di ortografia o grammatica, i documenti che utilizzano linguaggi di marcatura come l’Html, possono, per numerose ragioni, contenere errori. Per controllare l’esistenza o meno di questi errori nel linguaggio, si utilizzano i cosiddetti “Validatori”. I documenti che passano tale test, sono idonei e rispettosi di tutta una serie di regole.

Seppur all’apparenza banali, quelli sopracitati sono validi elementi da tenere in seria considerazione qualora si voglia garantire al visitatore web una più lunga e piacevole permanenza sul nostro sito web.

Ti è piaciuto questo articolo? Cosa ne pensi dell’argomento?

Lascia liberamente il tuo parare..ne faremo tesoro!