Tag: ottimizzazione siti web

L’importanza dei contenuti web e le chiavi di ricerca

L’utente web cerca informazioni. Assumendo quindi che il contenuto di una pagina web sia “padrone” della ricerca, vuol dire che le parole chiave sono loro “schiave”! La questione è molto semplice.. Delle buone parole chiave attirano un sacco di traffico, ed è esattamente ciò che vogliamo dal nostro sito internet. Il primo passo quindi è quello di individuare quali siano le parole chiave più ricercate dagli utenti web; tali informazioni possono essere ricavate sia su base locale  che su base nazionale/internazionale (ciò dipende dagi interessi di business della propria attività). Questi dati (importantissimi!!) possono essere recuperati tramite dei “semplici” sondaggi, oppure affidandosi a servizi internet, free e/o a pagamento, che assolvono pienamente allo scopo.

Capire esattamente quali sono gli argomenti cui le persono offrono interesse, è di vitale importanza per la vita di un business! La verità è che pur avendo i migliori contenuti web del mondo, possono risultare inutili di fronte ad un mancato  interesse da parte dell’utente finale (che lo richiede). Se non vi è corrispondenza tra le parole chiave che inseriamo nei nostri contenuti e tra i centri di interesse dei navigatori web, ogni sforzo risulterà vano!

I servizi più famosi per la ricerca delle parole chiave sono Wordtracker, KeywordDiscovery e AdWords di Google. Sono strumenti molto semplici ed intuitivi per la concreta individuazione di singole parole e frasi, abbinate al volume delle ricerche nel web e delle percentuali di concorrenza riguardo la pubblicità sui motori di ricerca stasso. Attraverso l’utilizzo di questi strumenti è possibile stimare le dimensioni del mercato per i prodotti e servizi particolari e non, e di conseguenza ne possono derivare i modi per ottimizzare le pagine web stesse, trovare nuovi mercati di nicchia, e molto altro..

Tramite una singola parola chiave è difficile ottenere un alta classifica, quindi è consigliabile raccogliere anche le parole chiave di contorno alla stessa. Una stringa di tre o quattro parole chiave dovrebbe essere la soluzione ideale. A questo punto, una volta raccolte ed individuate le parole chiave più inerenti alle nostre necessità (che devono corrispondere a quelle dei potenziali clienti), possiamo dedicarci all’ottimizzazione delle nostre pagine web. Qui entrano in gioco le Tecniche SEO. Se da soli non si è in grado di affrontare il web da soli, è bene quindi affidarsi ad una qualche Agenzia capace di esporre al massimo i nostri contenuti sul web, e posizionarli quindi in cima alle serp.

L’individuazione delle parole chiave abbinata alla realizzazione di pagine ad hoc, può certamente aumentare la notorietà delle nostre pagine sul web, ed attrarre così nuovo e mirato traffico.

Ti è piaciuto questo articolo? Cosa ne pensi dell’argomento?

Lascia liberamente il tuo parare..ne faremo tesoro!

Annunci

Ottimizzare il sito web per una migliore navigazione

Il web è pieno di siti internet delle più svariate varietà, funzioni e contenuti. Ma quanti di questi sono davvero navigabili ed accessibili? Esistono un sacco di accortezze cui dare attenzione per una corretta navigazione web, affinché il surfer provi piacere nello sfogliare le pagine e si possa così veicolare nuovo traffico. Vediamone qualcuna…

Compatibilità del sito web con i diversi browser

Non c’è da stupirsi se webmaster o proprietari di un sito web vedano lo stesso in modalità differenti all’interno dei diversi browser web, o in versioni differenti dello stesso browser. Non mancano i casi in cui intere pagine web siano invisibili a determinati browser. Di esempi ce ne sono molti, basta soffermare l’attenzione su di un sito web qualsiasi e controllare come questo viene interpretato dai tre più utilizzati browser al mondo (Mozilla Firefox, Internet Explorer, Netscape); si noteranno infatti nella maggior parte dei casi errori di risoluzione, adattamento delle immagini, impaginazione etc.. E’ sempre bene effettuare dei test preliminari di compatibilità del nostro sito web già in fase di produzione dello stesso, per evitare di incorrere poi in palesi disfunzioni.

Titolo della Pagina Web

Meta-tag sono l’informazione inserita nel [HEAD] [/ HEAD] sezione del codice HTML di qualsiasi pagina web. Ci sono molti tipo di meta-tag; in questo caso prenderemo in considerazione solamente il Meta Tag Title. Dal punto di vista del visitatore web, questa è l’unica etichetta visibile cui egli possa fare riferimento per accedere e navigare nella pagina stessa. Tale impostazione è tanto importante in fase di ricerca web (tramite motore di ricerca) che in fase di navigazione interna, poiché è un riferimento stabile di navigazione (soprattutto per pagine molto corpose). L’impostazione di una adeguata etichetta di pagina aiuterà sicuramente i nostri visitatori nella navigazione delle pagine del sito.

L’importanza del Tag Alt

Molti navigatori web utilizzano gli strumenti immagine immessi nelle pagine web per navigare più velocemente, ad esempio disabilitando le stesse, o visualizzando i titoli delle immagini stesse. Soprattutto nei casi in cui le immagini “fanno” il sito web, è ancora più importante assegnargli un titolo o “Tag Alt”. Il Tag Alt è l’etichetta alternativa che si assegna alle immagini per fare in modo che queste forniscano al visitatore (ed ai motori di ricerca) informazioni aggiuntive utili alla navigazione delle pagine web. Tali etichette devono essere sempre aggiunte cosicché motori di ricerca e visitatori siano sempre al passo con i contenuti presenti e si crei del valore aggiunto alla navigazione.

Tavolozza dei colori e compatibilità Browser

E’ noto come le diverse piattaforme web gestiscano i colori in maniera differente l’una dalle altre; infatti molti web browser limitano in modo significativo l’utilizzo dei colori. Gestire piattaforme di computer di colore diverso, e il browser limiti colori in maniera significativa. Al fine di passare attraverso il mondo digitale, con coerenza, la pagina web designer deve essere ben consapevoli di questo fatto.

Una tavolozza di colori “certa” è formata da 216 colori RGB (Red, Green, Blu, i tre colori fondamentali dai quali si possono ricavare tutti gli altri colori); quando i siti web utilizzano questa tavolozza di colori, si può star certi che nel 95% dei casi questi sono gli stessi all’interno di tutti i sistemi browser più diffusi al mondo, evitando così di visualizzare le pagina con colori che a volte sono differenti anche di molto da quelli che avevamo in mente.

Controllo dei collegamenti interrotti

Un link per essere definito tale, deve portare ad un’altra pagina. Se così non fosse, sicuramente c’è qualche problema. Da una statistica (su scala globale) emerge che una percentuale tra il 4 ed l’8% dei link in internet siano interrotti (o mancanti); tutto ciò non fa altro che dare una pessima impressione a tutti i navigatori. Nei casi peggiori, i motori di ricerca potrebbero togliere dagli elenchi le nostre pagine web.

Controllare il tempo medio di caricamento delle pagine web

Molti navigatori Web oggi utilizzano connessioni veloci per andare in internet, non trovando praticamente alcuna difficoltà nell’apertura dei siti web; tuttavia esiste però ancora una significativa percentuale di surfers che utilizzano connessioni a bassa velocità. Ciò comporta inevitabilmente che attendere l’apertura di una pagina nella maggior parte dei casi significa andare oltre. In altre parole significa perdere il visitatore. E’ bene quindi testare tutte le pagine del nostro sito internet in modo tale da portarle tutte ad un peso (profilo) non superiore ai 30 Kb. In caso contrario è facile incorrere in inconvenienti come sopra citato. Ideale sarebbe ottimizzare il codice interno delle pagine, eliminando le etichette superflue, o alleggerendo le immagini.

Convalida del codice HTML

Così come i testi in un linguaggio naturale possono includere errori di ortografia o grammatica, i documenti che utilizzano linguaggi di marcatura come l’Html, possono, per numerose ragioni, contenere errori. Per controllare l’esistenza o meno di questi errori nel linguaggio, si utilizzano i cosiddetti “Validatori”. I documenti che passano tale test, sono idonei e rispettosi di tutta una serie di regole.

Seppur all’apparenza banali, quelli sopracitati sono validi elementi da tenere in seria considerazione qualora si voglia garantire al visitatore web una più lunga e piacevole permanenza sul nostro sito web.

Ti è piaciuto questo articolo? Cosa ne pensi dell’argomento?

Lascia liberamente il tuo parare..ne faremo tesoro!

Cosa sono i Meta Tags?

 I cosiddetti Ottimizzatori di pagine web per i motori di ricerca, solitamente hanno due punti di vista differenti quando si tratta di parlare di di Meta Tags. Le Etichette per i Meta Contenuti sono state nel tempo svalutate e riviste in funzione dell’ottimizzazione per i Search Engine, ma alcune di esse sono ancora molto utili per le elencazioni dei risultati all’interno delle serp dei diversi motori di ricerca (es. Google, Yahoo, Msn…).


Tecnicamente, i meta tag sono metadati presenti nel linguaggio HTML utilizzati per fornire informazioni sulle pagine agli utenti o ai motori di ricerca.

In origine i Meta Tags sono stati introdotti negli anni ‘90 quando Internet alle prime armi, aveva bisogno di strumenti semplici che aiutassero i motori di ricerca ad elencare in modo ordinato il sempre crescente numero di pagine web in rete.

Negli anni a seguire, i webmaster non esitarono ad abusare l’utilizzo di queste etichette per spammare il web di parole chiave, al fine di far salire pagine web i cui contenuti fossero anche totalmente differenti dalle chiavi di ricerca digitate. Si creò una vera e propria sorta di gioco al rialzo delle parole chiave (in questo caso utilizzate come spam) che portò solamente ad una sbagliata cognizione del web, ed una scarsa fiducia verso i motori di ricerca che hanno portato a quegli stessi risultati.


Oggigiorno, la maggior parte dei motori di ricerca hanno abbandonato l’utilizzo esclusivo dei Meta contenuti per l’elencazione delle pagine web, e si rifanno ad algoritmi più complessi e meno raggirabili dallo spam delle parole chiave, soprattutto se inserite nelle righe di comando dei Meta. Da qui nasce un quesito… poiché queste etichette non sono più utili come in passato, perché molti Seo’s (Search Engine Optimization Specialist) continuano ad utilizzarli?

 Di Meta TAgs ne esistono una vera e propria moltitudine, tra nomi, specifiche ed utilità, ma quali sono quelli più utilizzati? Qui di seguito riporteremo un elenco dei più diffusi, ed a nostro avviso dei più utili ai fini di una buona indicizzazione nei diversi motori di ricerca.

 Meta tipo di contenuto:
Questo è raccomandato per evitare possibili e probabili problemi di visualizzazione e lettura delle pagine web da parte degli spiders dei motori di ricerca.

 Meta Robot:
Questo tag è ancora ampiamente utilizzato e serve ad indicare al bot del motore di ricerca se indicizzare e seguire i link della pagina web, o di limitare in tutto o in parte la scansione delle pagine stesse.

Meta Descrizione:
Questo tag è ampiamente utilizzato poiché molto utile al motore di ricerca per dare spiegazioni nelle Serp delle pagine web elencate. All’interno di questo viene messa solitamente una descrizione sintetica dei contenuti della pagina.

Meta Parole chiave:
Eì tutt’oggi un meta-tag controverso in quanto molti webmaster lo utilizzano, ed altri lo escludono. In generale si dice che esso possegga ancora del valore solo se tenuto in modo semplice, e non come in passato quando veniva sovraccaricato di parole e termini mirati.
  

In sostanza, l’utilizzo e la lettura dei meta tags di ricerca da parte dei search engine, non è vincolante come in passato, ma possono comunque essere utilizzati per motivazioni legate al “come” i motori di ricerca citano i contenuti delle pagine. Ogni webmaster è libero di implementarli a proprio piacere e quanti ne si voglia; per quanto possano essere utili o inutiliai fini di una buona indicizzazione, questo non lo sapremo mai con certezza poiché gli algoritmi degli stessi Search Engine cambiano in continuazione. In qualsiasi caso, se verranno utilizzati correttamente, vi sarà una miglioria nelle classifiche di ricerca.

Ti è piaciuto questo articolo? Cosa ne pensi dell’argomento?

Lascia liberamente il tuo parare..ne faremo tesoro!

Cosa sono i Meta Tags?

I cosiddetti Ottimizzatori di pagine web per i motori di ricerca, solitamente hanno due punti di vista differenti quando si tratta di parlare di di Meta Tags. Le Etichette per i Meta Contenuti sono state nel tempo svalutate e riviste in funzione dell’ottimizzazione per i Search Engine, ma alcune di esse sono ancora molto utili per le elencazioni dei risultati all’interno delle serp dei diversi motori di ricerca (es. Google, Yahoo, Msn…).


Tecnicamente, i meta tag sono metadati presenti nel linguaggio HTML utilizzati per fornire informazioni sulle pagine agli utenti o ai motori di ricerca.

In origine i Meta Tags sono stati introdotti negli anni ‘90 quando Internet alle prime armi, aveva bisogno di strumenti semplici che aiutassero i motori di ricerca ad elencare in modo ordinato il sempre crescente numero di pagine web in rete.

 

Negli anni a seguire, i webmaster non esitarono ad abusare l’utilizzo di queste etichette per spammare il web di parole chiave, al fine di far salire pagine web i cui contenuti fossero anche totalmente differenti dalle chiavi di ricerca digitate. Si creò una vera e propria sorta di gioco al rialzo delle parole chiave (in questo caso utilizzate come spam) che portò solamente ad una sbagliata cognizione del web, ed una scarsa fiducia verso i motori di ricerca che hanno portato a quegli stessi risultati.


Oggigiorno, la maggior parte dei motori di ricerca hanno abbandonato l’utilizzo esclusivo dei Meta contenuti per l’elencazione delle pagine web, e si rifanno ad algoritmi più complessi e meno raggirabili dallo spam delle parole chiave, soprattutto se inserite nelle righe di comando dei Meta. Da qui nasce un quesito… poiché queste etichette non sono più utili come in passato, perché molti Seo’s (Search Engine Optimization Specialist) continuano ad utilizzarli?

 

Di Meta TAgs ne esistono una vera e propria moltitudine, tra nomi, specifiche ed utilità, ma quali sono quelli più utilizzati? Qui di seguito riporteremo un elenco dei più diffusi, ed a nostro avviso dei più utili ai fini di una buona indicizzazione nei diversi motori di ricerca.

 

Meta tipo di contenuto:
Questo è raccomandato per evitare possibili e probabili problemi di visualizzazione e lettura delle pagine web da parte degli spiders dei motori di ricerca.

 

Meta Robot:
Questo tag è ancora ampiamente utilizzato e serve ad indicare al bot del motore di ricerca se indicizzare e seguire i link della pagina web, o di limitare in tutto o in parte la scansione delle pagine stesse.


Meta Descrizione:
Questo tag è ampiamente utilizzato poiché molto utile al motore di ricerca per dare spiegazioni nelle Serp delle pagine web elencate. All’interno di questo viene messa solitamente una descrizione sintetica dei contenuti della pagina.


Meta Parole chiave:
Eì tutt’oggi un meta-tag controverso in quanto molti webmaster lo utilizzano, ed altri lo escludono. In generale si dice che esso possegga ancora del valore solo se tenuto in modo semplice, e non come in passato quando veniva sovraccaricato di parole e termini mirati.

 

In sostanza, l’utilizzo e la lettura dei meta tags di ricerca da parte dei search engine, non è vincolante come in passato, ma possono comunque essere utilizzati per motivazioni legate al “come” i motori di ricerca citano i contenuti delle pagine. Ogni webmaster è libero di implementarli a proprio piacere e quanti ne si voglia; per quanto possano essere utili o inutiliai fini di una buona indicizzazione, questo non lo sapremo mai con certezza poiché gli algoritmi degli stessi Search Engine cambiano in continuazione. In qualsiasi caso, se verranno utilizzati correttamente, vi sarà una miglioria nelle classifiche di ricerca.

 

 

Ottimizzare il sito web per una migliore navigazione

Il web è pieno di siti internet delle più svariate varietà, funzioni e contenuti. Ma quanti di questi sono davvero navigabili ed accessibili? Esistono un sacco di accortezze cui dare attenzione per una corretta navigazione web, affinché il surfer provi piacere nello sfogliare le pagine e si possa così veicolare nuovo traffico. Vediamone qualcuna…

Compatibilità del sito web con i diversi browser

Non c’è da stupirsi se webmaster o proprietari di un sito web vedano lo stesso in modalità differenti all’interno dei diversi browser web, o in versioni differenti dello stesso browser. Non mancano i casi in cui intere pagine web siano invisibili a determinati browser. Di esempi ce ne sono molti, basta soffermare l’attenzione su di un sito web qualsiasi e controllare come questo viene interpretato dai tre più utilizzati browser al mondo (Mozilla Firefox, Internet Explorer, Netscape); si noteranno infatti nella maggior parte dei casi errori di risoluzione, adattamento delle immagini, impaginazione etc.. E’ sempre bene effettuare dei test preliminari di compatibilità del nostro sito web già in fase di produzione dello stesso, per evitare di incorrere poi in palesi disfunzioni.

Titolo della Pagina Web

Meta-tag sono l’informazione inserita nel [HEAD] [/ HEAD] sezione del codice HTML di qualsiasi pagina web. Ci sono molti tipo di meta-tag; in questo caso prenderemo in considerazione solamente il Meta Tag Title. Dal punto di vista del visitatore web, questa è l’unica etichetta visibile cui egli possa fare riferimento per accedere e navigare nella pagina stessa. Tale impostazione è tanto importante in fase di ricerca web (tramite motore di ricerca) che in fase di navigazione interna, poiché è un riferimento stabile di navigazione (soprattutto per pagine molto corpose). L’impostazione di una adeguata etichetta di pagina aiuterà sicuramente i nostri visitatori nella navigazione delle pagine del sito.

L’importanza del Tag Alt

Molti navigatori web utilizzano gli strumenti immagine immessi nelle pagine web per navigare più velocemente, ad esempio disabilitando le stesse, o visualizzando i titoli delle immagini stesse. Soprattutto nei casi in cui le immagini “fanno” il sito web, è ancora più importante assegnargli un titolo o “Tag Alt”. Il Tag Alt è l’etichetta alternativa che si assegna alle immagini per fare in modo che queste forniscano al visitatore (ed ai motori di ricerca) informazioni aggiuntive utili alla navigazione delle pagine web. Tali etichette devono essere sempre aggiunte cosicché motori di ricerca e visitatori siano sempre al passo con i contenuti presenti e si crei del valore aggiunto alla navigazione.

Tavolozza dei colori e compatibilità Browser

E’ noto come le diverse piattaforme web gestiscano i colori in maniera differente l’una dalle altre; infatti molti web browser limitano in modo significativo l’utilizzo dei colori. Gestire piattaforme di computer di colore diverso, e il browser limiti colori in maniera significativa. Al fine di passare attraverso il mondo digitale, con coerenza, la pagina web designer deve essere ben consapevoli di questo fatto.

Una tavolozza di colori “certa” è formata da 216 colori RGB (Red, Green, Blu, i tre colori fondamentali dai quali si possono ricavare tutti gli altri colori); quando i siti web utilizzano questa tavolozza di colori, si può star certi che nel 95% dei casi questi sono gli stessi all’interno di tutti i sistemi browser più diffusi al mondo, evitando così di visualizzare le pagina con colori che a volte sono differenti anche di molto da quelli che avevamo in mente.

Controllo dei collegamenti interrotti

Un link per essere definito tale, deve portare ad un’altra pagina. Se così non fosse, sicuramente c’è qualche problema. Da una statistica (su scala globale) emerge che una percentuale tra il 4 ed l’8% dei link in internet siano interrotti (o mancanti); tutto ciò non fa altro che dare una pessima impressione a tutti i navigatori. Nei casi peggiori, i motori di ricerca potrebbero togliere dagli elenchi le nostre pagine web.

Controllare il tempo medio di caricamento delle pagine web

Molti navigatori Web oggi utilizzano connessioni veloci per andare in internet, non trovando praticamente alcuna difficoltà nell’apertura dei siti web; tuttavia esiste però ancora una significativa percentuale di surfers che utilizzano connessioni a bassa velocità. Ciò comporta inevitabilmente che attendere l’apertura di una pagina nella maggior parte dei casi significa andare oltre. In altre parole significa perdere il visitatore. E’ bene quindi testare tutte le pagine del nostro sito internet in modo tale da portarle tutte ad un peso (profilo) non superiore ai 30 Kb. In caso contrario è facile incorrere in inconvenienti come sopra citato. Ideale sarebbe ottimizzare il codice interno delle pagine, eliminando le etichette superflue, o alleggerendo le immagini.

Convalida del codice HTML

Così come i testi in un linguaggio naturale possono includere errori di ortografia o grammatica, i documenti che utilizzano linguaggi di marcatura come l’Html, possono, per numerose ragioni, contenere errori. Per controllare l’esistenza o meno di questi errori nel linguaggio, si utilizzano i cosiddetti “Validatori”. I documenti che passano tale test, sono idonei e rispettosi di tutta una serie di regole.

Seppur all’apparenza banali, quelli sopracitati sono validi elementi da tenere in seria considerazione qualora si voglia garantire al visitatore web una più lunga e piacevole permanenza sul nostro sito web.