Tag: Siti Web

Elementi critici di Web Design

Come in ogni attività creativa e non, esistono dei principi base che dovrebbero essere a conoscenza dell’operatore per il raggiungimento di migliori performances. Molti principi e consigli vengono da sè col tempo, e si acquisiscono solamente con l’esperienza sul campo, altri invece sono naturali, senza che nessuno ce li sussurri all’orecchio. Nel caso del Web Design, è bene tener presente i seguenti…
E’ buona pratica astenersi da schemi grafici che siano complicati o che possano generare confusione per l’utente. Le pagine web che sono costruite con molti fotogrammi (slices) portano l’utente a navigare il sito scorrendo la pagina in tutte le direzioni, possono infastidire  ed allo stesso tempo confondere, non conducendolo al reale contenuto della stessa. E’ bene quindi concepire la pagina secondo uno standard che prevede due o tre colonne, fornendo un layout di facile lettura e consultazione. In una siffatta situazione, la quantità di spazio bianco è molto importante. Lo spazio bianco in questo caso non è sinonimo di mancanza di contenuti. Lasciare una adeguata porzione di spazio bianco all’interno delle pagine web, significa far soffermare l’attenzione del cliente per un tempo adeguato su ciascun contenuto (prodotto o servizio). La giusta proporzione degli spazi bianchi può fare la differenza per il grado di attrattività del contenuto sponsorizzato.
Tenere sempre sotto controllo le dimensioni dei files. La dimensione del file (kb, Mb..) è molto importante al fine di una corretta visualizzazione dei contenuti. Molti utenti web, non sono disposti ad aspettare diverse decine di secondi per il caricamento delle pagine web; l’attesa stressa ed infastidisce, ed inoltre, in alcuni casi è vista come un malfunzionamento del sito stesso. Il tempo di caricamento delle pagine dipende dalla pesantezza dei contenuti della pagina web, e quindi dal layout; non bisogna farlo eccedere i 2 o 3 secondi max! La grafica del sito web inoltre, deve contenere immagini che nello stile siano collegate e correlate al template complessivo del sito. Inoltre è consigliato tenere le pagine statiche, e non lampeggianti.
L’utilizzo di Font semplici, e non eccessivamente particolareggiati, sicuramente aiuta il lettore nella corretta e fluida letura dei contenuti testuali. Font strabilianti, se da una parte possono attirare l’occhio per la loro particolarità, dall’altra parte possono non far percepire correttamente il messaggio al lettore finale. E’ bene quindi sceglierli con cura, e non usarne con una varietà che sia superiore ai tre tipi (3 font differenti).
Questi sono piccoli consigli che ogni web designer dovrebbe rispettare per avere successo nella realizzazione di layout che funzionano. Se avremo svolto un buon lavoro, sarà il cliente stesso a tornare da noi, sia per la bellezza estetica delle pagine, sia per la chiarezza dei contenuti che siamo stati in grado “fissare” al loro interno!

Ti è piaciuto questo articolo? Cosa ne pensi dell’argomento?

Lascia liberamente il tuo parare..ne faremo tesoro!

Annunci

La realizzazione di un sito web vincente

Oggigiorno avere un sito web aziendale o personale, è come avere la tv a casa propria; è una pratica diffusissima. Per le aziende, come per le persone fisiche diventa sempre più importante pubblicare on-line una o più pagine web che parlino della propria attività, che comunichino all’esterno quali siano i reali obiettivi che si stanno perseguendo sia a livello individuale che a livello commerciale.

E’ pur vero d’altro canto che in internet esistono milioni e milioni di domini web che si pongono il medesimo obiettivo. Come fare quindi a distinguersi un una marea di pagine web? Come fare ad affermare la propria immagine professionale o aziendale nell’immenso mondo di internet? La risposta è ovviamente “con un bel sito web e ben posizionato nei motori di ricerca”. Ma come fare a perseguire tale obiettivo?

Il primo passo da seguire è quello di pensare, di pensare e scrivere su carta quali sono gli elementi fondamentali che vogliamo esporre nel nostro sito internet. Elencare le aree principali di argomentazione aiuterà sicuramente nella stesura di un progetto di design che si implementi perfettamente, e rafforzi il messaggio (integrale) che si vuole trasmettere. Se si dispone già di un logo, si può partire dai suoi caratteri distintivi e lavorare quindi sui colori e sulle linee estetiche dello stesso per realizzare un layout totalmente immerso nella logica aziendale (o comportamentale). Se si parte da questo presupposto, si è già un passo avanti nella creazione di un sito web personalizzato (a differenza di quelli con templates preconfezionati ed adattabili a tutte le esigenze). Seguendo poi altre semplici accortezze, è possibile realizzare dei veri e propri capolavori del web, perfettamente distinti dai siti della concorrenza e perfettamente sintonizzati all’interno dei motori di ricerca per le parole chiave più inerenti ai propri contenuti.

Fondamentalmente, possiamo elencare dei principi base che possono aiutare a realizzare un sito web veramente funzionante ed esteticamente bello da vedere e navigare.

Per prima cosa bisogna ideare e pianificare l’architettura del sito web. Per fare ciò bisogna tener presenti già a priori quali saranno gli argomenti, quindi gli spazi (pagine) dedicate agli stessi. All’interno di ciascuna pagina sarà necessario individuare le aree dedicate al testo, alle immagini, alle news, ai commenti e quant’altro nella nostra prospettiva sarà utile ai navigatori al completamento del processo di acquisto. Ogni elemento deve avere il giusto peso, il giusto spazio e la giusta allocazione all’interno della pagina web, evitando così di incorrere nell’inconveniente di non trasmettere quanto dovuto al potenziale cliente, o comunicare qualcosa di deviato dal vero messaggio che avevamo in mente di comunicare. In questa fase è altresì importante pensare a quali saranno le parti da implementare in futuro, distinguendole da quelle destinate a contenuti rigidi (come ad esempio gli spazi pubblicitari che ospiteranno i banner). In tutta questa fase di pianificazione e progettazione, è utile la stesura di una mappa del sito web, che di certo ci aiuterà in qualsiasi momento ad indirizzarci sui contenuti delle pagine e su come queste saranno concatenate tra di loro. Bisogna creare dei veri e propri percorsi di visita, come quelli dei grandi centri commerciali.

Altro accorgimento altrettanto importante da mettere a conto, è quello relativo alla scelta del dominio, ed insieme ad essa del mercato di nicchia attorno al quale ruoteranno tutti i contenuti del sito web. Essere competitivi a livello di ricerca web è molto importante, e in molti casi è sempre bene tenerlo a conto prima della realizzazione tecnica del sito web. Avere ampie vedute sul mercato web e sulla concorrenza diretta e indiretta dei nostri servizi è indispensabile per l’ideazione di una formula vincente. Convogliare gli sforzi realizzativi (scelta del dominio, struttura, contenuti, navigazione interna..) su variabili ben definite a priori, e ben distinte dalla concorrenza, aiuterà a concretizzare un vero e proprio posizionamento dell’azienda verso i potenziali clienti (target) e la concorrenza stessa (posizionamento differenziato). Molte volte questo aspetto viene lasciato al caso, e solo raramente ne derivano veri e propri successi; il caso di specie e quello del mercato di beni e servizi altamente concorrenziali.

A seguire, ma non per questo di minore importanza, bisogna scegliere accuratamente i nomi delle pagine che ci apprestiamo a creare. Una buona prassi, quella del successo. Vuole che ogni servizio abbia una pagina dedicata. Una approfondita descrizione dei servizi aiuterà molto il navigatore ad orientarsi tra le offerte, ed allo stesso tempo contribuirà ad un migliore posizionamento all’interno delle serp dei motori di ricerca. In questo accorgimento rientrano anche e soprattutto i nomi dei link di navigazione, che devono essere espressi e compresi dall’utente come delle vere e proprie guide all’interno del sito web. In altre parole il sito deve far sentire a proprio agio il cliente, coccolarlo ed esaurire tutta la sua sete di conoscenza.

Seguendo questi e tanti altri semplici (ma importanti) accorgimenti possiamo essere sicuri che il nostro sito sarà sì diverso dalla concorrenza, e quindi usato in diverso modo dagli altri. Gli stessi risultati nei motori di ricerca ci daranno ragione del successo!

Come scegliere il nome di dominio

Internet è un grande e potente strumento per la ricerca di informazioni. Quando cerchiamo delle informazioni tramite il web accediamo al browser e cominciamo la ricerca.  Qui si aprono due vie differenti e complementari: utilizziamo la barra degli indirizzi del browser per accedere direttamente al sito di destinazione, oppure utilizziamo i servizi di un motore di ricerca per scegliere tra i risultati proposti nella serp.

Nel primo caso, accediamo sicuramente al sito web che contiene le informazioni che desideriamo conoscere, nel secondo caso invece andiamo a cliccare e quindi ad accedere in un sito che per contenuti (valore di posizionamento della keyword) si avvicina anche di molto a ciò che stavamo cercando. In tutti e due i casi accediamo ad un sito internet, e più in particolare ad un dominio web.

Quindi, che conosciamo o meno la destinazione della nostra navigazione, avremo a che fare con un nome di dominio. Il nome di dominio è per un’azienda, come per il marketing della stessa azienda una variabile importantissima. Nel concetto di nome di dominio rientrano una molteplicità di aspetti legati alla vita dell’azienda, nonché ai servizi che essa offre. Vogliamo qui elencare alcuni degli aspetti più rilevanti di questa variabile di internet-marketing, sottolineandone benefici e difetti da tenere presenti fin dal momento della sua nascita. Un buon nome di dominio lascia intendere un grande allineamento alla marca, o denominazione sociale dell’azienda.

In altri casi è ancor più importante possedere parole legate ad un servizio aziendale fondamentale all’interno del nome di dominio. Soprattutto in quest’ultimo caso, il nome di dominio è sempre più correlato a programmi di affiliazione ed in senso lato alla pubblicità in rete. Quindi marchio aziendale (denominazione) e prodotto servizio fondamentali comportano a rendere sempre più forte l’identità dell’azienda all’interno della rete globale. Inoltre un ben ideato nome di dominio può favorire una ricerca diretta del servizio specifico; ad esempio un dominio assemblaggipersonalizzati.it riconduce perfettamente al sito che fornisce il servizio specifico. Altro fattore di rilevante importanza per un nome di dominio, è l’apprezzamento del nome che si può ottenere nel tempo. Acquistare particolari tipologie di nomi di dominio oggi, potrebbe significare (se siamo abbastanza fortunati) poterlo rivendere tra 5 o 10 anni per qualche centinaia se non qualche migliaia di euro; tutto questo perché le parole chiave che lo costituiscono nel tempo possono divenire molto molto gettonate sul mercato web. Un vero e proprio investimento.

Se invece ideassimo un nome di dominio che contenga un servizio di nicchia abbinato ad uno specifico target geografico, vedremmo il nostro sito molto forte nei motori di ricerca per un target geografico molto definito. Immaginiamo quindi se il dominio fosse riferito ad un prodotto in fase di lancio, nuovo o unico, i vantaggi sarebbero incalcolabili a priori. In tutti i casi, e per ragioni motivazioni che vanno anche oltre quelle su indicate, i nomi di dominio possono dimostrarsi davvero importanti per un’unica grande motivazione… possono essere o divenire delle grandi miniere d’oro sul web, basta saperli sfruttare nel migliore dei modi. Sono considerati dei “valori immobiliari virtuali”.

Concludendo, la scelta, l’acquisto e la destinazione d’uso di un dominio web rivestono un ruolo molto importante nell’approccio internet di un’azienda. E’ in qualsiasi caso importante fare delle scelte oculate e mirate per un rendimento elevato e duraturo nel tempo!

Accessibilità del web_Cenni

Non vi è un gran parlare in questi giorni per quanto riguarda la corretta pratica di sviluppo e progettazione di siti web accessibili. Anche se a prima vista non si direbbe, questo riguarda tutti quelli che possiedono un sito web, per tutti quelli che li realizzano, e soprattutto per tutti quelli che navigano in internet.

 

 

 

Web Accessibility si riferisce alla pratica della creazione di siti web che saranno utilizzabili per le persone di qualsiasi capacità o disabilità mentale e fisica; infatti, sono molte le variabili che entrano in gioco quando si parla di accessibilità di un sito web.


Troppe società di sviluppo web trascurano l’importanza di una buona codifica del codice html all’interno delle pagine web. Molti elementi quali ad esempio un linguaggio sintatticamente corretto, fare uso di testo alternativo per le immagini, lo scrivere correttamente il nome de link sono parzialmente o del tutto trascurati. Un aspetto negativo collaterale che si concretizza è l’incorretta lettura del sito web da parte del file robot. immaginatene i riflessi!

 
Molte persone hanno difficoltà a controllare un mouse con precisione, e può diventare frustrante durante il tentativo di selezionare un piccolo collegamento. I Web designer richiedono  inserire un testo di dimensioni più grandi e creare aree cliccabili il quando possibile. I collegamenti dovrebbero sempre in stile e di colore diverso da un testo generico in modo che anche gli utenti possano individuarlo in modo più rapido e utile. Inoltre le pagine potrebbero essere codificate in un modo da permettere loro di navigare senza l’utilizzo del mouse o della tastiera.

Sito web non dovrebbe mai fare affidamento esclusivamente su un componente video o audio per trasmettere le informazioni, l’inconveniente in questo caso sarebbe quello di trovarsi di fronte un surfer che ha problemi di vista o di udito, o più semplicemente che abbiano l’impianto acustico del computer disabilitato o non funzionante. I visitatori sono importanti e si dovrebbe di tutto per non incoraggiarli a lasciare rapidamente il sito.

Web Accessibility Initiative

La WAI è nata nel 1999 dal World Wide Web Consortium ed è considerata come una serie di linee guida per la creazione di siti web accessibili. Anche se non vi è stata alcuna critica verso le loro linee guida elaborate nel 2003, sta per essere pubblicata una seconda edizione sugli standard di accessibilità con linee tecnologicamente più neutrali. Questo lascerà più spazio all’interpretazione e la capacità di adattamento.

La guida discute in modo molto approfondito su come creare i contenuti di un sito web accessibile e comprende una sintesi di controllo per argomento e priorità. Si discutono questioni importanti al fine di fornire soluzioni progettuali per un certo numero di scenari che generano conflitti.

Il futuro di accessibilità

Siamo ad un punto in cui ora non vi è alcun dubbio sul fatto che l’accessibilità di un sito web sia una variabile importante, anzi in alcuni paesi è un vero e proprio obbligo giuridico. Con un numero sempre maggiore di siti web di essere che sono realizzati seguendo queste linee guida, presto si presenteranno nuovi sbocchi per l’editoria on-line; infatti, saranno possibili nuove implementazioni sulle metodologie di diffusione di contenuti web, quali ad esempio l’utilizzo dei pdf, tecnologie java-script o flash.

 

 

Quattro utili steps per la lotta al plagio dei contenuti web

La pubblicazione di un sito web, per un imprenditore, come per un webmaster può essere considerata una cosa molto eccitante ed emozionante. Dopo lunghe attese, lunghi studi di progettazione e tante centinaia di euro investite nella realizzazione di contenuti originali e personalizzati per pubblicizzare al meglio la propria attività ed i propri servizi, dal momento della pubblicazione tutto il mondo avrà accesso a tali informazioni. Al contempo però tali contenuti sono esposti a soggetti senza scrupoli. La violazione del diritto d’autore è un evento molto comune nel mondo di internet. Ma come possiamo proteggerci? E come possiamo agire se qualcuno ruba i nostri contenuti?

 

E’ importante sapere che qualsiasi cosa si scriva è protetta da copyright. È possibile registrare un diritto d’autore, ma non è sufficiente ad impedire che qualcuno di copi o riproduca il vostro lavoro senza consenso. Ogni scritto, pittura, disegno, composizione musicale, foto o programma per computer, siano essi pubblicati o non, sono protetti dal diritto d’autore. Ma comunque, purchè protetti dal diritto d’autore non significa che siano sicuri. Esistono persone che ignorano le leggi sul copyright e internet, e ce ne sono molte altre che non se ne curano proprio.

 

Uno strumento molto utile per verificare se i contenuti di un sito web siano stati duplicati è Copyscape (www.copyscape.com). Attraverso il semplice inserimento del nome di dominio, è possibile verificare la presenza in rete di contenuti duplicati. Il servizio è completamente gratuito. E’ possibile inoltre considerare una opzione a pagamento che prevede la scansione regolare del sito web contro il pagamento di una somma di denaro.Che cosa fare se si è tra le sfortunati vittime della violazione del copyright? Come si può trattare con l’autore del reato e di evitare gli elevati costi del contenzioso? I seguenti sono alcuni semplici passi che si possono intraprendere per far si che l’autore della violazione di rimuova il materiale duplicato dal sito web.

 

1. Contattare l’autore del reato, tramite pagina contatti o utilizzando i servizi di “Wois”. Mandare una e-mail e spiegare le ragioni di un intervento sui contenuti duplicati.

2. Inviare un cessare e desistere. Se il tuo primo contatto non ha ottenuto i risultati desiderati, il prossimo passo dovrebbe essere quello di inviare un cessare e desistere. In rete è possibile trovare modelli preformattati e modificabili secondo le specifiche esigenze da inviare con e-mail o per mezzo posta per renderla il più ufficiale possibile. Indicare inoltre una data entro la quale il materiale dovrà essere rimosso o modificato.

3. La controversia dovrebbe essere risolta al punto 2, ma se non si è ancora raggiunto l’obiettivo si potrebbe notificare ai motori di ricerca l’infrazione. Cercando in Internet “DMCA” o “Digital Millennium Copyright Act” si accederà a informazioni riguardanti le istruzioni per contattare ciascun motore di ricerca, al fine di richiedere che l’autore del reato sito web sia rimosso dagli indici.
Infine, è sempre consigliabile auto tutelarsi, apponendo le date su ciascun documento che viene messo in rete. Così si potrà dimostrare l’anzianità delle pagine. In soluzione, possiamo affermare che è impossibile prevenire al 100% il futuro di un commento pubblicato in rete, ma almeno sappiamo come comportarci se ci capitasse qualcosa di simile un giorno.

Web 2.0 – Come creare un sito di successo con WordPress

Negli ultimi anni WordPress (www.WordPress.org) è diventato lo standard di piattaforma per blog a causa della sua facilità d’uso, tools, funzionalità varie e comunque conforme ai più diffusi standards della rete. Se vi si aggiunge che sia gratis ed open source, ne fa un prodotto molto utile e ricercato.Word Press

 

Mentre la maggior parte dei webmaster e posters hanno scelto WordPress come piattaforma di blogging, allo stesso tempo questo è un po’ più trascurata come piattaforma di gestione dei contenuti per siti web che non siano Blog. WordPress infatti permette di creare pagine che vengono automaticamente aggiunte sulla barra di navigazione del sito web in questione, e per un programmatore Php non è difficile personalizzare gli script interni per ottenere dal sito stesso qualsiasi funzione si desideri. Inoltre la possibilità di utilizzate “temi” e “plugins” risulta molto facile e veloce ridurre i tempi di progettazione (ed i costi) in modo radicale, Se a tutto ciò si aggiunge la possibilità di implementare tools tipici del SEO, si ottiene un prodotto (sito, blog, piattaforma..) potente, facile da usare e search engine friendly.

 

Fin dal momento in cui WordPress è installato e non ancora configurato, non c’è bisogno di preoccuparsi della formattazione del codice; infatti tramite semplici steps è possibile configurarlo al 100% senza alcuno sforzo eccessivo. Tuttavia bisogna tener presenti alcuni piccoli accorgimenti per far diventare un sito un vero e proprio motore di raccolta e smistamento di informazioni.

 

Creare contenuti originali in grado di stimolare l’interesse degli utenti e che siano la base di nuove discussioni che possano partire dall’input fornito nella citazione iniziale. Se l’argomento è davvero importante per il visitatore, si creeranno i presupposti per un “viral marketing” molto efficace. I poco tempo in tutta la rete si sentirà parlare del vostro argomento.

 

Creare un unico titolo di pagina che faccia riferimento all’insieme. In molte web si sostiene che il “Page Title Tag” sia il più importante (se non tra i più importanti) fattori che aiutano a determinare il ranking di una pagina. Utilizzare parole chiave dei contenuti all’interno del titlo della pagina aiuta in modo determinante a migliorare le performances di un sito internet. Sta ai webmaster decidere se scrivere il titolo di pagina dopo la stesura della pagina stessa o prima. In WordPress esistono plugins in grado di aiutare i webmaster in questo difficile compito.

 

Attivare i Permalinks. Le impostazioni di default di WordPress presentano collegamenti permanenti con struttura query… i cosiddetti url dinamici (es.: http://www.miositoweb.org/?p=000312ahafzik). L’utilizzo di url dinamici è molto utile nella programmazione, ma non va molto d’accordo con i motori di ricerca. L’ideale sarebbe quello di impostare i permalinks su urls estesi e chiari (search engine friendly), e per fare ciò bisogna modificare quanto è contenuto in Opzioni/cambia struttura di Permalink.

 

Creare sitemap dinamiche, in modo che i contenuti che verranno inseriti nel sito web (tramite struttura a pagine dinamiche) verranno immediatamente rielencati, fornendo così in ogni momento la struttura reale del sito web, in tutti i suoi urls, statici e non. 
Installare software di analisi del traffico e dati di ricerca in genere, poiché dall’analisi degli stessi si può arrivare velocemente ad una visione globale e continuativa del processo di sviluppo del sito web, soprattutto in un’ottica di guadagno futuro, quando sarà importante convertire i surfers in acquirenti.Installare plugins “socievoli”, come potrebbe essere la registrazione a flussi rss, poiché sarà possibile inviare le informazioni al altri portali di social bookmarking, come ad esempio technorati, reddit, Digg..
Queste ed altre mille opzioni sono possibili con l’utilizzo di WordPress… Per conoscerle tutte basta usarlo..allora cosa aspettate??

Web design – errori e semplici regole d’oro

La Posizione di web design è qualcosa che può essere raggiunto in modo relativamente semplice, a patto che ci si attenga a una piccola serie di principi guida e si evitino alcuni errori molto comuni.

I più eccellenti web designers, hanno maturato le loro competenze durante molti anni di esperienza, dedizione e soprattutto dopo tanti errori. Fortunatamente, essere eccellenti web designers non rappresenta un pre-requisito per la costruzione di un buon sito web e tutto ciò che si impara dagli errori può essere migliorato senza difficoltà.

Di seguito verranno elencati alcuni principi solitamente ignorati dai progettisti web, la maggior parte delle volte perché sono difficili da applicare; ma se un sito web riuscisse ad aderire a tali principi, i visitatori ne trarranno certamente i frutti.

1. Tenere tutto in evidenza

I visitatori di un sito web si aspettano alcune convenzioni, come ad esempio la barra di navigazione nella parte superiore di una pagina o sul lato sinistro, i loghi sono per la maggior parte nella parte superiore sinistra. A dire il vero non esiste una regola precisa a tutto ciò; un buon esempio si può ottenere dai siti web delle imprese più grandi e famose come e-bay, microsoft… per poi emularne le strutture.

2. Utilizzo limitato di colori

Un sito web che utilizzi un numero eccessivo di colori, solitamente non è ben gradito dai visitatori, poiché può dar fastidio alla navigazione o arrecare disturbo alla vista non permettendo all’utente di soffermarsi sugli elementi fondamentali della pagina. L’ideale sarebbe quello di limitare la tavolozza dei colori di un sito web a 2 o 3 , in modo da poter dare il giusto tono alle diverse aree della pagina web ed ai suoi rlativi contenuti.

3. Stare attenti ai font

La collezione dei caratteri a disposizione di tutti i visitatori di un sito web è relativamente limitato. In generale si consiglia di attenersi ai tipi di caratteri come Arial, Verdana, Courier, Times, Ginevra e la Georgia. Essi possono sembrare poco interessanti, ma il loro contenuto dovrebbe più interessante. Testo nero su sfondo bianco, nella sua semplicità, è una combinazione molto utile e facile da implementare, dando la possibilità a chiunque di apprenderne i contenuti.

4. Piano per le modifiche dei contenuti

La capacità di aggiungere o rimuovere i contenuti da un sito web è fondamentale per il continuo successo dello stesso. Dover riscrivere l’intera pagina web o un elemento della sua struttura (layout) in molti casi significa riscriverlo completamente. E’ una buona pratica prevedere aree e spazi che saranno soggette nel tempo a piccole e grandi variazioni, in modo da poter intervenite velocemente su ciascuna pagina web. Una buona pianificazione degli spazi e dei contenuti ammortizza il lavoro globale fino al 75% del tutto.

5. Essere coerenti

E’ buona pratica utilizzare gli stessi elementi di formattazione delle pagine (CSS) per tutto il sito, in modo tale che il visitatore non si senta spiazzato del passaggio/utilizzo di una pagina e la successiva (ad esempio il colore dei link di navigazione dovrebbe essere sempre lo stesso, le aree di testo dovrebbero avere tutte lo stesso colore di sfondo…)

6. Concentrarsi sulle cose rilevanti

Bisogna cercare di concentrarsi sugli elementi fondamentali. Eliminare la necessità di aggiungere immagini, animazioni Flash o inserzioni solo perché si ha spazio. Se si deve assolutamente riempire lo spazio cercare di farlo inserendo qualcosa che sia il più possibile pertinente con il contesto e gli altri contenuti.

7. Diventare un esperto di CSS

L’utilizzo dei Cascading Style Sheets dovrebbe essere una pratica amichevole per un qualsiasi web designer. Con i CSS è possibile separare l’aspetto e il layout della pagina dal contenuto. Questo comporta enormi vantaggi quando si tratta di aggiornare o manutenzionare un sito.

8. Evitare Complessità

L’utilizzo di layout standard (disponibili liberamente anche in rete) per una pagina web consente di risparmiare molto tempo, rendere il sito più facile da usare. Spingersi oltre ciò che funzioni bene e che non sia stato già testato, normalmente porta a diversi problemi. A meno che non sia davvero una sfida, bisogna cercare di evitare la complessità.

Il rispetto di questi semplici principi di base, oltre a facilitare il lavoro del web designer, apporterà sicuramente benefici in termini di posizionamento dei risultati nei motori di ricerca