Tag: web marketing

Internet Marketing e monitoraggio dei risultati

Quando si investe sul successo di un sito internet, l’obiettivo è sempre quello di aumentarne la popolarità, l’utenza e di riflesso le vendite. Allo stesso tempo, uno dei più grandi errori che si possono commettere è quello di non monitorare i risultati. Monitorare i risultati significa chiedersi “il perchè” di certi cambiamenti, di certi comportamenti, il perchè dei dati che otteniamo dall’analisi del traffico verso il nostro sito internet. Infatti, anche se gli investimenti in campagne di promozione on-line vadano a buon fine, l’azienda sbaglia nel non monitorare correttamente i flussi che si sono creati. Ne deriva quindi, che la mancata comprensione di “modi e tempi” di un cambiamento, ci vieti la possibilità di agire su determinati elementi al fine di correggerli o implementarli.

Il controllo dei risultati di marketing è essenziale per rendicontare quanto abbia inciso ogni singola azione sul fatturato derivante dal singolo cliente aggiuntivo. Per monitorere l’efficacia di una campagna di web marketing è già abbastanza utile chiedere ai clienti che ci contattano come ci hanno trovato, quale motore di ricerca hanno utilizzato, oppure la parola chiave utilizzata. Nei limiti della disponibilità del cliente, e dalla prontezza di risposta, le informazioni possono rivelarsi davvero molto utili. Inoltre è utile analizzare il percorso degli acquisti, da quando il navigatore accede al sito web, a quando decide di acquistare o contattarci. Un potente strumento che raccgiude in se tutte queste qualità è Google Analytics. Infatti attraverso di esso è possibile monitorare tutti i visitatori e tutti i percorsi. Dai dati ottenuti si individueranno le pagine più gradite ai visitatori, per veicolarli così velocemente verso il call to action finale; un buon risultato può consistere nell’iscrizione alla news-letter (ad esempio). 

Analizzare, modellare, trasformare le pagine web secondo le necessità di utilizzo degli utenti, significa seguirlo a distanza in tutti i suoi passi. Sarà più facile quindi estrarre valori di carattere economico al fine di valutare l’efficacia delle singole azioni di una campagna di web marketing.

Ti è piaciuto questo articolo? Cosa ne pensi dell’argomento?

Lascia liberamente il tuo parare..ne faremo tesoro!

Annunci

Soddisfare un mercato di nicchia con tecniche Seo

Quando si cerca di essere sempre più vicini al consumatore, si intende capire sempre più a fondo quali siano i suoi desideri, espressi ed inespessi, affinchè si possa mettere su una strategia di marketing che possa andarli a soddisfare. In internet succede la stessa cosa. I navigatori web, vengono catalogati a seconda di ciò che questi stanno cercando, o meglio, l’obiettivo del web marketing è l’anticipazione e la soddisfazione dei bisogni dei navigatori web.

Quando si serve, o si cerca di servire uno specifico mercato, di qualsivoglia genere, bisogna tenere a mente alcune accortezze, affinchè il flusso di risorse investite sul cliente, possa portare davvero i frutti sperati. meglio, quando stiamo offrendo uno specifico prodotto-servizio rispetto uno specifico segmento di mercato, soddisfiamo un business di nicchia. Questo si definisce come quella parte di mercato che la concorrenza non ha ancora raggiunto, o che essa ha parzialmente occupato, ma in maniera tale da non venire incontro soddisfacentemente alla domanda. Può consistere in una parte di clientela, oppure in un determinato tipo di prodotti. Quindi a maggior ragione, bisogna ponderare attentamente le azioni e le risorse per avere successo, e farlo perdurare nel tempo.

Elenchiamo 5 piccoli steps per non fallire in questa importante missione…

  • Primo passo: Trovare le giuste parole chiave in modo tale da costruire i contenuti delle nostre pagine web attorno ai desideri del potenziale cliente. Uno strumento molto semplice ed intuitivo da usare è fornito dallo stesso Google. Affianco a questo possiamo agire su una consultazione diretta delle serp di ricerca rispetto alle parole chiave che più ci possono fare comodo. A seconda dei mercati, lo studio può durare anche diversi giorni, e non è mai assoluto!
  • Secondo Passo: Scegliere il giusto nome di dominio. Questa fase è molto importante, poichè, come sappiamo bene, nel nome di dominio sono racchiuse oltre che le caratteristiche del brand aziendale, anche le variabili di posizionamento dei nostri prodotti-servizi rispetto alla clientela da servire. Scegliere accuratamente il nome di dominio vuol dire impostare tutto il lavoro di web marketing atorno ad un concetto univoco, il dominio appunto, che porterà avanti la nostra azienda sul web e ci darà merito delle nostre buone azioni.
  • Terzo passo: Decidere la tipologia di sito web. A seconda delle nostre ambizioni di mercato, e dal tipo di servizio che intendiamo offrire ai nostri clienti, dobbiamo scegliere tra la realizzazione di un sito statico, e la creazione di un sito dinamico.
  • Quarto passo: Scegliere un buon servizio di hosting ed altrettanto buoni servizi correlati. Conoscere quali tecnologie lato server il nostro Hosting può offrire, di certo ne faciliterà e la fiducia, lasciandoci ampia scelta sulle possibili configurazioni delle nostre pagine web, e delle applicazioni ad esso connesse.
  • Qiunto passo: Servizi Seo ed otimizzazione delle pagine web. Una volta pianificato e messe in opera tutta una serie di scelte, saremo giunti alla realizzazione di un sito web che potenzialmente è in grado di raggiungere con efficacia il nostro terget di mercato. Solo se optiamo per l’investimento in una campagna Seo, possiamo essere certi del raggiungimento del risultato. Affidarsi ad una buona Agenzia web e Seo è un passo importante per non perdere l’opportunità di farsi conoscere ed apprezzare dai navigatori web di tutto il pianeta… Targettizzazione dell’offerta, traffico veicolato, aumento dei contattio, aumento della popolarità, aumento dei tassi di conversione, sono solo alcuni dei benefici derivanti dala realizzazione di una campagna Seo.

I passi da seguire sembrano molto semplici..non ci resta che provare!! I mercati inesplorati, o mal serviti, sono da sempre stati considerati come delle miniere.. Sfruttiamo al massimo le opportunità il web ci offre per soddisfare i nostri e gli altrui desideri.

Ti è piaciuto questo articolo? Cosa ne pensi dell’argomento?

Lascia liberamente il tuo parare..ne faremo tesoro!

PageRank o Seo.. Cosa è più importante??

Sulla questione di quale tra Page Rank e Seo sia più importante ai fini dei risultati di ricerca, il vostro pensiero è irrilevante.  Quindi non sprechiamo tempo sul pensare a quale sia la risposta corretta a questa domanda, poiché essa purché in termini oggettivi ci fosse, sarebbe irrilevante allo scopo.

 

 

Perché diciamo questo? Perché SEO, o ottimizzazione nei motori di ricerca, sta a intendere il modo di progettare un sito web, e l’immissione in esso contenuti, per soddisfare gli algoritmi dei motori di ricerca. Oggigiorno gli algoritmi dei motori di ricerca sono così sofisticati che, se si riuscisse a soddisfare questi ultimi, allora si riuscirebbe anche soddisfare i visitatori del sito web. Se si soddisfano i visitatori del sito web, allora questi cliccheranno sulla pagina uscita nella Serp e la leggeranno. Facendo click anche in altre pagine del sito, magari completerebbero anche un processo di acquisto.

 

E’ vero allo stesso tempo che altri visitatori lasceranno il sito che hanno trovato, ma se i motori di ricerca ritengono che il contenuto di tale sito internet sia abbastanza buono per un posizionamento elevato nei loro indici per il termine di ricerca, o la parola chiave che il tuo visitatore ha utilizzato per arrivare alla tua pagina web, è inevitabile che si crei un flusso di traffico web indirizzato maggiormente verso le nostre pagine indicizzate, piuttosto che verso quelle che sono posizionate dopo le Nostre.

Adesso, prendiamo n considerazione Google ed al suo indice più importante, il PageRank. Secondo tale principio occorrerebbe più tempo nel cercare di ottenere links verso il proprio sito, piuttosto di spendere lo stesso tempo cercando di ottimizzare lo stesso attraverso la scrittura di contenuti nuovi e di qualità. Se questo tempo è stato impiegato nel modo più giusto, si vedranno i propri siti posizionati in modo migliore rispetto quelli della concorrenza, poiché gli spiders dei diversi Search Engines, secondo i loro intricati algoritmi, hanno deciso così.

 

Il risultato sarà quindi quello di ottenere un maggior numero di visitatori verso il proprio sito web poiché c’è una perfetta correlazione tra i termini ricercati ed i termini ottimizzati all’interno delle pagine web. Tanto più tali termini saranno correlati, tante più pagine i visitatori saranno stimolati a leggere.


Allora, qual è la differenza tra il PageRank ed il Seo? Si ottiene praticamente lo stesso risultato finale. Come si può dire quale sia la più importante. C’è un modo semplice per fare questo, e quello che ho utilizzato più di una volta. Due siti web hanno le stesse caratteristiche (fattori e propensione all’indicizzazione) e puntano l’indicizzazione sulla stessa parola chiave; a parità di tutte le condizioni oggettive ed esterne, nel tempo sarà meglio posizionato il sito web che avrà eseguito un lavoro di Seo sui propri contenuti rispetto all’altro che si è limitato a non farlo. Quest’ultimo, pur avendo tutta la predisposizione e le potenzialità di fare concorrenza ad altri siti, si limita ad essere elencato nei risultati accessori, anche se ad una scadenza definita possiede lo stesso PageRank del sito ottimizzato.

 

Tutto quindi sta a intendere che il FARE o NON fare del Seo sulle proprie pagine Web può fare la differenza nell’indicizzazione nei motori di ricerca. I risultati che sono stati appena descritti sono frutto di prove eseguite sul campo. Tenere sott’occhio le serp dei diversi motori di ricerca in questi casi potrebbe essere di molto aiuto.

Così, la risposta alla domanda: SEO o Page Rank, è che nessuno di questi è più importante di altri. Sono entrambi ugualmente importanti, ma è possibile ottenere migliori performance attraverso l’applicazione di particolari accortezze seo.


Da Peter Nisbet (c) 2007