Tag: webmaster

Cosa pensa Google del tuo sito?

Le modalità con cui  Google visualizza il tuo sito internet è di vitale importanza se si vuole avere successo, perché  Google è diventato il motore di ricerca dominante sul web. Oggigiorno possiede oltre il 60% del mercato americano dei motori di ricerca, e negli altri paesi del mondo la percentuale sale a più dell’80%. Inoltre, Google è un marchio affermato in tutto il mondo, molto pronunciato, di gran peso e prestigio. 

Non importa se tu sia un webmaster o il proprietario di un sito web/blog..! Google è di vitale importanza per il successo della propria piattaforma web in quanto è in grado di veicolare il traffico web verso specifici indirizzi attraverso la realizzazione delle serp di ricerca. Le ricerche organiche che Google offre possono decidere le sorti di un’intero Business basato sul Web.

In base a ciò, è importantissimo tenere a mente le modalità con cui Google legge i contenuti delle nostre pagine web; i motori di ricerca costruiscono una reputazione dell’azienda attorno ad una singola parola chiave, e la diffondono ogni secondo sul web. Le S.e.r.p. (Search Engine Result Page) sono la variabile che più contano in una concorrenza digitale globale! E’ possibile pagare i Motori di Ricerca per comparire prima degli altri siti web, questo è vero…ma a quale prezzo?? e poi?? sarà tutto sempre rose e fiori?? Certamente No! C’è bisogno di un accurato studio dei contenuti, della concorrenza, del Mercato e dei Motori di Ricerca. L’incrocio di queste informazioni potrà aiutarci sicuramente a scalare le Serp ed aumentare così la nostra popolarità nel mercato della concorrenza globale.

Un piccolo aiutino può esserci fornito da questo strumento che Google ci mette a disposizione.

https://adwords.google.com/select/KeywordToolExternal

Basta digitare l’URL del sito o pagina web e si otterrà una lista delle principali parole chiave che Google suggerisce per i tuoi contenuti. Se la vostra parola chiave (con abbinamento al target di mercato) non è elencata, allora bisogna rivedere un pò dal principio i contenuti della pagina in questione. E’ bene affidarsi ad una Agenzia Web e Seo che assolva a tale compito.

Ti è piaciuto questo articolo? Cosa ne pensi dell’argomento?

Lascia liberamente il tuo parare..ne faremo tesoro!

Annunci

Come impedire che i MdR si allontanino dal nostro sito web

Ciascuno dei principali motori di ricerca Google, Yahoo e MSN hanno istruzioni per i webmaster finalizzate ad impedire la manipolazione sleale dei contenuti per il posizionamento nei risultati delle serp. Tali istruzioni cambiano di frequente proprio per evitare l’utilizzo di pratiche ingannevoli da parte dei webmaster che puntano ad un posizionamento ingannevole dei propri siti nei risultati di ricerca.

Chi utilizza tali pratiche è punito con l’allontanamento o il declassamento delle pagine indicizzate poiché sono frutto di attività che vanno contro le linee guida dettate dagli stessi search engine.
L’allontanamento o l’eliminazione dai risultati dei motori di ricerca può comportare effetti negativi sul traffico web, sulle vendite e sulla popolarità del brand aziendale. Inoltre se il sito viene classificato come “cattivo”, i riflessi negativi si riverseranno anche su tutti i siti partner o collegati all’attività in quanto non vi linkeranno più per paura di un declino dai risultati delle serp.
Se si vuole evitare di allontanare i principali motori di ricerca dal proprio sito web, non bisogna esercitare le seguenti SE (search engine) tattiche:
1. “Cloaking” o redirects sneaky – ossia la visualizzazione di contenuti differenti per i motori di ricerca e per i visitatori web (umani). Tale tecnica si concretizza nel fornire ai motori di ricerca determinati risultati (molto spinti e targettizzati), ed ai visitatori altri risultati. La restituzione delle pagine, avviene attraverso la lettura degli indirizzi IP di chi richiede la pagina (macchina o umano) da parte di uno script lato server.
2. “Doorway Pages”, pagine create appositamente per i motori di ricerca che hanno lo scopo di spammare l’indice di un search engine attraverso la restituzione di risultati utili solo agli spider dei motori di ricerca. Sono create appositamente per la generazione di “contenuti chiave” che non porteranno mai l’utente ad arrivare alla risposta che cercavano.
3. Non creare pagine che installarno virus, Trojan o badware. “Badware” è uno spyware, malware o altri mini software che memorizzano informazioni sugli spostamenti in rete degli utenti al fine di catalogare informazioni utili allo spam tramite e-mail o altro. Inoltre tali software possono influenzare anche di molto il buon funzionamento del pc.
4. Evitare l’utilizzo di software che permettono l’invio di querce per la registrazione ai motori di ricerca, o che fanno analisi del ranking. Tali pratiche vengono sovente penalizzate dai motori di ricerca.
5. Non pubblicare pagine web con parole non pertinenti al contenuto del sito.
6. Non link i “cattivi vicini” che hanno siti contenenti:
Links gratis in tutte le pagine
Siti produttori di Links tramite sistemi automatizzati
Siti Spam noti ai motori di ricerca, che siano scaduti o utilizzati per cattive pratiche di ranking
7. Evitare di avere nel proprio sito “link interrotti” o errori “404”.
8. Non visualizzare pagine con un contenuto minimo, poiché saranno di poco valore per i visitatori.
9. Non duplicare i contenuti inutilmente
10. Non utilizzare finestre pop-up, pop-under o di uscita console.
11. Non utilizzare le pagine che si basano in maniera significativa su link a contenuti creati per un altro sito web.
12. Non utilizzare la pratica del cross-linking per alterare i risultati di popularity di un sito web
13. Non utilizzare a proprio beneficio il marchio dei concorrenti
15. Non utilizzare tecniche che artificialmente aumentare il numero di link alle sue pagine(Link Factory)
16. Visualizzazione delle pagine web con contenuti ingannevoli, fraudolenti, o irrilevanti.
17. Utilizzare contenuti, i titoli di dominio, i meta-tag e le descrizioni che violino le disposizioni legislative, regolamentari, che violino il diritto d’autore ed marchi di fabbrica, segreti commerciali o di diritti di proprietà intellettuale di una persona o entità.
Tenendo bene a mente tutti questi piccoli suggerimenti, si potrà evitare di incappare in spiacevoli inconvenienti con i Motori di Ricerca.

Ti è piaciuto questo articolo? Cosa ne pensi dell’argomento?

Lascia liberamente il tuo parare..ne faremo tesoro!